Progetti in corso

Closing a protection gap

  • Stampa

DAPHNE           logo-closing-nosottotitolo   

 

 

Iniziativa europea per la definizione degli standard per qualificare la tutela dei minori stranieri non accompagnati

In questo momento vi sono in Europa sistemi di tutela completamente diversi. In alcuni paesi questi istituti non sembrano seguire le norme della Convenzione ONU sui Diritti del Fanciullo - ratificata da tutti gli stati membri - e del Commento Generale n. 6 del Comitato ONU sui Diritti del Fanciullo, sul ruolo e la qualifica dellíistituto della tutela. Il tipo di protezione e cura che riceve un minore non accompagnato dal proprio tutore dipende dal paese in cui, spesso a caso, si trova. Una politica europea comunitaria e un'armonizzazione pratica dellíistituto della tutela potrebbe ridurre queste divergenze aumentando così i sistemi di protezione dei minori secondo medesimi standard in tutta Europa.
Un sistema della tutela appropriato e funzionante è essenziale per assistere il minore a trovare la giusta soluzione, che si tratti di rimpatrio nel paese di origine, di trasferimento in altro paese (ad esempio per un ricongiungimento famigliare) di integrazione nel paese ospitante.
Vi è una mancanza di linee guida e modelli di tutela. La figura del tutore è spesso poco definita, non è indipendente, manca di competenze e strumenti formativi. L'innovatività del progetto consiste nel basare líazione partendo dal punto di vista dei minori e metterla in comparazione con i diritti di cui sono portatori in base alla CRC e alle direttive internazionali. La qualificazione e la standardizzazione dell'istituto della tutela creer‡ i presupposti affinchÈ i minori non accompagnati fruiscano della protezione di cui hanno diritto e che tale protezione sia effettiva ed efficace poiché basata sui bisogni identificati dai minori stessi nellíottica di una loro partecipazione diretta.

 

IL PROGETTO
Il progetto intende contribuire a proteggere i minori non accompagnati migliorando e qualificando maggiormente le procedure per la presa in carico e la tutela del minore stesso attraverso la sua partecipazione e un suoi coinvolgimento nel processo di definizione di standard minimi.
Il progetto, co-finanziato dalla Commissione Europea, è attuato in otto paesi dell'Unione (Olanda, Italia, Belgio, Svezia, Danimarca, Slovenia, Irlanda e Germania) con i seguenti partner:

Defence for Children The Netherlands
Defence for Children - Italia
Plate-for Mineurs in Exil - Service Droit des Jeunes - Belgio
Save the Children - Svezia
Save the Children - Danimarca
Slovene Philantropy - Slovenia
Irish Refugee Council - Irlanda
Bundesfachverband UMF - Germania

La prima fase del progetto è costituita da una ricerca sul territorio dei vari paesi per valutare come viene applicata la tutela dei minori non accompagnati in base alla legislazione vigente. L'esito sarà raccolto in un rapporto con una proposta di standard minimi di tutela che sarà presentato in una conferenza pubblica a Bruxelles al Parlamento e alla Commissione Europei. Tale rapporto sarà elaborato sulla base di una serie di consultazioni con minori al fine di produrre uno strumento basato sulla loro partecipazione, i loro bisogni e diritti.

Seconda fase del progetto è l'elaborazione di uno strumento destinato ai tutori, per orientarli nel loro percorso con i ragazzi.

Il progetto si concluderà con una fase formativa, con l'organizzazione di un seminario per gli operatori impegnati a vario titolo nel lavoro di supporto ai minori non accompagnati in Italia.

L'iniziativa prevede inoltre la costituzione di un Comitato Nazionale sulla Tutela con carattere consultivo. In Italia partecipano al Comitato:

Dott.ssa Laura Baldassarre - UNICEF Italia
Prof. Luigi Citarella - Rappresentante Italiano presso il Comitato ONU sui Diritti del Fanciullo e Presidente di Indimi
Dr.ssa Stefania Congia - Ministero Welfare
Prof. Gustavo Gozzi - Professore di Diritti Umani e Diritto internazionale presso l'Università di Bologna
Dr. Annalisa Faccini - Responsabile dei Servizi Sociali e della tutela presso il Comune di Bologna
Prof. Lucio Strumendo - Ex Pubblico tutore - Regione Veneto
Prof. Avv. Daniele Lugli, Difensore civico Regione Emilia Romagna
Dott.ssa Elena Rozzi, ASGI
Pippo Costella, Direttore Defence for Children International Italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.