Progetti in corso

SUPPORTS

  • Stampa

Supportare le ragazze e i ragazzi ospitati nel sistema di accoglienza nella delicata fase di passaggio tra l'adolescenza e l'età adulta

SUPPORTS logoUna volta raggiunta la maggiore età i ragazzi in uscita dai percorsi di accoglienza si ritrovano ad affrontare un periodo difficile, che spesso si rivela essere un vero e proprio baratro. Dalla situazione di tutela garantita dal sistema di protezione dei minorenni, con il compimento della maggior età i cosiddetti care leavers si trovano dinanzi a un nuovo e sconosciuto scenario per adattarsi al quale sono necessari preparazione e supporto.

Affinché questo passaggio avvenga con gradualità e in modo armonioso, occorre iniziare a lavorare al più presto nel tentativo di delineare  un progetto di vita individualizzato e partecipato, che tenga conto delle capacità e delle aspirazioni del ragazzo e che, allo stesso tempo, possa connettersi con le risorse e le opportunità offerte dal territorio. Occorre che questo percorso contempli soluzioni di lungo periodo ma anche che sia aggiornato regolarmente durante il percorso di crescita del minorenne, per valutare continuamente l’efficacia e l’appropriatezza del progetto. Questo compito necessita di un team di lavoro multidisciplinare e competente, che possa guidare il suo operato a partire da un approccio fondato sui principi e le norme della Convenzione Onu sui Diritti del Fanciullo. È dunque di fondamentale importanza che questo progetto di vita costituisca lo strumento di riferimento principale per il ragazzo e sul quale tutti i soggetti che entrano in contatto con lui devono convergere prima, durante e dopo il delicato momento di emancipazione.

 

Alla luce di quanto sopra, l’obiettivo generale dell’iniziativa è migliorare il supporto che i ragazzi ricevono nell’affrontare il delicato passaggio fuori dall’accoglienza attraverso un percorso di qualificazione e di rafforzamento del progetto di vita individualizzato quale strumento primario di lavoro verso l’autonomia.Alla luce di quanto sopra, l’obiettivo generale dell’iniziativa è migliorare il supporto che i ragazzi ricevono nell’affrontare il delicato passaggio fuori dall’accoglienza attraverso un percorso di qualificazione e di rafforzamento del progetto di vita individualizzato quale strumento primario di lavoro verso l’autonomia.

Il progetto si svilupperà attraverso i seguenti obiettivi

1) Promuovere la partecipazione dei minorenni accolti nelle strutture di accoglienza residenziale relativamente alle decisioni sulle loro condizioni di vita attuali e future;

2) Rafforzare le competenze degli operatori in relazione alla stesura e attuazione del progetto individualizzato all’interno di un quadro di riferimento fondato sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e in particolare sull’articolo 12 sull’ascolto e la partecipazione;

3) Orientare le pratiche e le politiche per migliorare l’efficienza e l’appropriatezza del progetto individualizzato in vista del periodo di fuoriuscita dalla comunità di accoglienza;

4) Promuovere i messaggi e gli esiti del progetto.

Partner:

  • PULSE FOUNDATION - Bulgaria (coordinatore)
  • DEFENCE FOR CHILDREN INTERNATIONAL, Italia (partner)
  • CESIS - Portogallo (partner)

 

Collaborazioni in corso:

In Italia, il progetto ha ottenuto una lettera di supporto del Garante Infanzia della Regione Liguria in fase di elaborazione e presentazione alla Commissione Europea e vede la collaborazione delle seguenti organizzazioni che hanno aderito al percorso formativo:

- Casa Don Bosco Genova (Salesiani), una struttura di seconda accoglienza per minorenni stranieri non accompagnati

- Distretto Sociale VII Savonese – progetto SPRAR/SIPROIMI che coinvolge 3 comunità Celle Ligure, Savona e Varazze

- Villaggio SOS di Ostuni – comunità di accoglienza per minorenni

Periodo di implementazione: January 2019 - December 2020

png

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.